Home » Il Trasimeno » I dintorni

I dintorni

CANTIERE INTERNAZIONALE D’ARTE

Cantiere Internazionale d´Arte

(Montepulciano, Km. 25)

Opere, concerti sinfonici, musica da camera, prosa, workshop e multimedia: sono tutte produzioni originali dove gli artisti di fama internazionale incontrano i giovani talenti. L’epilogo è il maestoso concerto di chiusura che si tiene tra le suggestioni architettoniche di Piazza Grande.
http://www.fondazionecantiere.it/ 


Festival Spoleto

Festival dei Due Mondi di Spoleto 

(Spoleto, Km. 79)

Il Festival dei Due Mondi di Spoleto, è tornato ad essere, oggi, polo di attrazione e terreno d’incontro fra culture diverse e grandi esperienze artistiche provenienti da tutto il mondo, prestigiosa ribalta per artisti di fama, vetrina per quelli emergenti, e di nuovo luogo di produzioni originali.
www.festivaldispoleto.com


Festa dei Ceri Gubbio

Festa dei Ceri

(Gubbio, Km.56)

15 maggio

Si tiene il 15 maggio di ongi anno, vigilia della morte (1160) del santo patrono Ubaldo, ed ha tradizioni secolari. La manifestazione è caratterizzata da tre giganteschi ceri di legno, sormontati dalle statue di S.Ubaldo, S.Giorgio e S.Antonio, portati a spalla da uomini vigorosi, in una corsa sfrenata per le vie della città fino al monte Ingino.
http://www.festadeiceri.it/ 


Palio di Siena

Palio di Siena

( Siena, km.70)

2 luglio e 16 agosto

Il Palio di Siena si disputa ogni anno il 2 luglio ed il 16 agosto nella Piazza del Campo. È una delle più famose manifestazioni di origine medievale che scatena la rivalità tra le 17 contrade cittadine. La manifestazione comprende sfilate in costume, esibizione di alfieri e tamburini, ma soprattutto una corsa a cavallo, drammatica, intensa e brevissima.
http://www.comune.siena.it/La-Citta/Palio


Museo Etrusco MAEC - CORTONA

Dai segreti di Holkham Hall alle meraviglie del British Museum

Sulle orme dell´etruscologia moderna

( Cortona, km.20)

Un’occasione unica per ripercorrere le tappe della nascita dell’etruscologia moderna nel XVIII secolo attraverso 150 opere di grande prestigio tra dipinti, disegni, reperti archeologici, manoscritti e documenti che testimoniano la grande passione per gli Etruschi soprattutto nel mondo anglosassone.
Il Museo MAEC avrà l’onore di esporre per la prima volta in Italia opere etrusche di inestimabile valore prestate dal British Museum di Londra e dalla Residenza di Holkham Hall nel Norfolk accanto a disegni originali e lastre di rame incise del De Etruria Regali libri VII di Thomas Dempster, manoscritto in latino redatto su richiesta di Cosimo II de’ Medici tra il 1616 e il 1619.
Grazie alla recentissima scoperta di nuovi documenti e reperti, si intende rievocare la seduzione degli Etruschi in Gran Bretagna, il legame tra anglosassoni e italiani nel Settecento e Ottocento attraverso grandi capolavori presenti nei musei italiani, come ad esempio la statua bronzea dell’”Arringatore” del Museo Archeologico Nazionale di Firenze e il “Putto Graziani” delle collezioni vaticane, e oltre 40 opere provenienti dalla collezione del British Museum: statuette votive, urne, bronzi, ceramiche e gioielli rinvenuti nell’Etruria centrale, da Prato fino a Bolsena e Vulci.
L’esposizione, curata da Paolo Bruschetti, Bruno Gialluca, Paolo Giulierini, Suzanne Reynolds e Judith Swaddeling, sarà accompagnata da un catalogo che raccoglie i tanti reperti e documenti esposti, molti dei quali inediti, ponendosi come testo di grande rilevanza per la promozione dello studio degli Etruschi nel mondo moderno.
http://www.cortonamaec.org/